trasporto Intracellulare

Molte cellule sono permanentemente polarizzato, e questo significa che le proteine di superficie sono selettivamente localizzata in diverse aree della membrana del plasma, a seconda della loro funzione. Ad esempio, le cellule endoteliali hanno molecole di adesione sulla superficie che contatta la lamina basale, ma recettori che assorbono molecole dal sangue (ad es. il recettore della transferrina-vedi sotto) si trovano sulla superficie della cellula che è in contatto con il sangue. Le molecole di superficie cellulare possono normalmente diffondersi lateralmente all’interno del piano della membrana, sebbene possano essere escluse o concentrate in aree particolari come le zattere lipidiche. Tuttavia, per alcune cellule, come le cellule epiteliali nell’intestino, la membrana plasmatica è divisa in due zone distinte chiamate domini basolaterali e apicali, che sono separati l’uno dall’altro da una cintura di giunzioni strette continue intorno alla cellula. Questa struttura limita severamente la diffusione libera delle molecole attraverso gli spazi extracellulari fra le cellule vicine ed è veduta in un certo numero di altri tessuti.

Le membrane basali sono ora più spesso chiamate lamine basali, per sottolineare il fatto che non sono bistrati fosfolipidici, ma fogli di matrice extracellulare.

Ad esempio, le cellule endoteliali nei vasi sanguigni nel cervello hanno un anello di giunzioni strette continue, che forma una barriera tra il sangue e il tessuto cerebrale che contribuisce alla cosiddetta barriera emato-encefalica. Le giunzioni strette impediscono anche la diffusione laterale di proteine e lipidi all’interno della membrana plasmatica da una zona all’altra.

  • Prevedere quale requisito questo pone sui sistemi di trasporto all’interno delle cellule che hanno tali zone differenziate della membrana plasmatica.

  • Le proteine e i lipidi devono essere indirizzati verso le zone basolaterali o apicali per vie diverse.

Le proteine destinate a queste zone vengono inizialmente ordinate nell’apparato di Golgi e confezionate in diverse vescicole prima di essere indirizzate alla zona appropriata della membrana (Figura 10). I segnali di smistamento sono stati identificati nel C-terminale di proteine destinate alla membrana basolaterale, che assicurano che le proteine raggiungano la zona corretta e vi vengano restituite qualora fossero internalizzate dall’endocitosi.

Figura 10 Le zone basolaterali e apicali della membrana plasmatica sono mostrate su una cellula epiteliale, che riveste il lume dell’intestino. Giunzioni strette tra le cellule separano le due zone della membrana. Le proteine destinate a ciascuna zona sono ordinate in vescicole separate nella rete trans Golgi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.