Recuperabili Filtri CAVALI in Molti Casi Sono Lasciati Troppo a Lungo e Diventare Difficile o Impossibile da Rimuovere

SAN DIEGO, 11 aprile, 2016 /PRNewswire/ — Per i pazienti che hanno subito una lesione traumatica o che sono in fase di volontariato o di chirurgia d’urgenza, la vena cava inferiore (IVC) i filtri possono aiutare a intercettare coaguli di sangue che possono liberarsi dalle estremità inferiori, e impedire loro di viaggiare al cuore e ai polmoni, dove possono causare gravi complicazioni. I filtri sono impiantati nella vena cava inferiore – la più grande vena del corpo-e presentano una costruzione simile a una gabbia che, pur progettata per catturare i coaguli di sangue, consente al sangue deossigenato di continuare a fluire attorno al dispositivo e tornare all’atrio destro del cuore. I filtri del coagulo di sangue hanno lo scopo di ridurre il rischio di ictus, embolia polmonare e altre gravi condizioni mediche, ma è anche importante essere consapevoli dei loro rischi.

Photo – http://photos.prnewswire.com/prnh/20160411/353936

Find out in 30 seconds or less if you or a loved one have an IVC filter that may lead to complications.

There are two types of inferior vena cava filters: permanent and retrievable. Entrambi i filtri vengono impiantati utilizzando un catetere che viene inserito attraverso la pelle in una grande vena all’inguine o al collo e poi avanzato alla vena cava inferiore nell’addome, ma la differenza principale tra i due è che i filtri recuperabili sono progettati per la protezione a breve termine e sono destinati ad essere rimossi una volta che il rischio di embolia Le complicazioni più pericolose derivanti dai filtri IVC recuperabili si verificano quando i dispositivi vengono lasciati in posizione per lunghi periodi di tempo, anche dopo che la protezione dall’embolia polmonare non è più necessaria.

Usi comuni del filtro IVC

Sebbene la terapia anticoagulante sia tipicamente la prima linea di difesa per i coaguli di sangue, la trombosi venosa profonda (TVP) e l’embolia polmonare, i filtri IVC possono essere un’opzione di trattamento più appropriata per i pazienti che hanno sperimentato DVTS ricorrenti durante l’assunzione di fluidificanti del sangue, o per coloro che non sono in grado di tollerare farmaci anticoagulanti a causa di una reazione avversa, A causa delle preoccupazioni per le complicazioni a lungo termine dei filtri IVC permanenti, i produttori di dispositivi medici hanno iniziato a sviluppare filtri temporanei, che sono molto simili nell’aspetto ai filtri permanenti, ma che sono progettati per essere rimossi una volta che il rischio di embolia polmonare si è attenuato.

  • incidenti
  • Volontario o interventi di emergenza
  • Colpo di pistola o ferite accidentali
  • trattamento di Dialisi
  • lesioni del midollo Spinale
  • il Cancro la diagnosi o il trattamento.
  • cadute Gravi

i Potenziali Effetti Collaterali di Filtri CAVALI

Nonostante la loro presunta migliorato il profilo di sicurezza di oltre permanente filtri, la ricerca ha dimostrato che rimovibile filtri CAVALI portare il loro rischio di gravi effetti collaterali, tra cui la migrazione del dispositivo, filtro frattura, perforazione della vena cava inferiore, e di embolizzazione del dispositivo per il cuore e i polmoni. Alla luce del potenziale per i filtri del coagulo di sangue recuperabili per causare complicazioni gravi e potenzialmente pericolose per la vita negli utenti, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha emesso una comunicazione di sicurezza nel 2010, evidenziando più di 900 rapporti di eventi avversi presentati all’agenzia in relazione ai filtri IVC rimovibili durante i cinque anni precedenti. La FDA ha aggiornato il suo avviso di sicurezza nel 2014, raccomandando che i filtri IVC temporanei vengano rimossi entro uno o due mesi dall’impianto, per ridurre il rischio di complicazioni del dispositivo.

Un certo numero di studi hanno confermato che la FDA coagulo di sangue che gli avvisi del filtro, e da uno studio pubblicato sul Journal of the American Medical Association nel 2013 analizzato il tasso di fallimento di filtri CAVALI temporanei in 978 pazienti, che indica che quando i filtri sono rimasti in posto più di un trattamento medico necessario, il 18,3% di recupero tentativi sono falliti e il 7,8% dei pazienti con esperienza di eventi trombotici venosi, di cui 25 embolia polmonare, tutti con filtro IVC in luogo. Alcuni dei filtri IVC temporanei che hanno mostrato un potenziale di causare gravi complicazioni negli utenti includono C. R. I filtri di Bard Recovery, G2 e G2 Express, che uno studio ha collegato a un tasso combinato del 12% di effetti collaterali della frattura del filtro, e i filtri Gunther Tulip e Celect di Cook Medical, che la ricerca ha dimostrato possono essere soggetti a complicanze di migrazione e perforazione.

Le complicazioni sono molto più comuni con i filtri IVC recuperabili

I filtri IVC recuperabili sono associati a un tasso molto più elevato con potenziali rischi, che includono danni alle vene o il mancato arresto dei coaguli di sangue dal superare il dispositivo. Gravi complicazioni possono verificarsi a causa dei filtri impiantati, come quando un dispositivo si rompe e viaggia in un’altra area del corpo. Nel 2010, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha annunciato un avviso di sicurezza per quanto riguarda i filtri IVC recuperabili. La FDA ha ricevuto 921 segnalazioni di eventi avversi dal 2005-10. Eventi coinvolti:

  • Migrazione del dispositivo
  • Perforazione del filtro
  • Frattura del filtro
  • Embolizzazione (componenti distaccati del dispositivo)
  • Il dispositivo diventa difficile, pericoloso o impossibile da rimuovere

Il maggior numero di eventi avversi ha coinvolto la migrazione del dispositivo (35%). La migrazione si verifica quando i filtri si allontanano dalla posizione prevista. La FDA ha elencato l’embolizzazione come la seconda complicazione più comunemente riportata.

I filtri IVC recuperabili sono destinati solo al posizionamento a breve termine. Tuttavia, la FDA ha segnalato la preoccupazione per i dispositivi che rimangono nei pazienti molto tempo dopo che i rischi di PE si sono attenuati. La FDA ha aggiornato la comunicazione sulla sicurezza nel 2014, raccomandando di rimuovere i dispositivi recuperabili tra il 29 ° e il 54 ° giorno dopo l’impianto nei pazienti in cui la PE si è attenuata.

Cause legali del filtro IVC

Secondo il Centro assistenza legale del filtro IVC, si stima che fino all ‘ 80% dei cosiddetti filtri IVC recuperabili, progettati per essere rimossi e non come soluzione a lungo termine, falliranno o diventeranno pericolosi o impossibili da rimuovere se lasciati per più di 29-54 giorni.

Scopri in 30 secondi o meno se il tuo filtro IVC può mettere a rischio la tua salute o sicurezza. Se è così, si può beneficiare di un risarcimento per aiutare con potenziali spese mediche e altre spese impreviste, anche se non avete ancora sperimentato alcun sintomo o complicazioni.

Questo contenuto è stato rilasciato attraverso il servizio di distribuzione del comunicato stampa a Newswire.com. Per maggiori informazioni visita: http://www.newswire.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.