Orbital ATK sends Cygnus cargo ship to space station with science and a sextant

Antares launch
Orbital ATK’s Antares rocked rises from its Virginia launch pad, sending a robotic Cygnus cargo ship into space. (NASA Photo / Audrey Gemignani)

Update for 10 p.m. PT May 24: Gli astronauti hanno utilizzato il braccio robotico della Stazione Spaziale Internazionale per agganciare la nave da carico robotica Cygnus di Orbital ATK e collegarla alla stazione dopo un viaggio di tre giorni. Nel corso di sette settimane o giù di lì, la navicella spaziale delle dimensioni della stanza verrà scaricata, quindi caricata con la spazzatura e liberata.

In precedenza: Orbital ATK ha inviato la sua astronave cargo Cygnus robotica sulla sua strada verso la Stazione Spaziale Internazionale il 21 maggio, caricato con più di 7.200 libbre di forniture, attrezzature ed esperimenti scientifici.

Il razzo Antares a due stadi è salito dalla sua rampa di lancio dalla struttura di volo Wallops della NASA in Virginia alle 4:44 am ET (1:44 am PT), illuminando il cielo predawn per gli osservatori attraverso un’ampia fascia della costa medio-atlantica.

I responsabili della missione hanno spinto il decollo fino alla fine di un’opportunità di cinque minuti per lasciare che il tempo fosse sereno.

Orbital ATK lancia il Cygnus in cima al suo razzo Antares sotto i termini di un contratto di rifornimento di merci commerciali con la NASA. È simile all’accordo che la NASA ha con SpaceX. Questo Cygnus è stato battezzato SSJR. Thompson in onore dell’ex direttore operativo di Orbital, morto l’anno scorso.

La separazione del veicolo spaziale è arrivata pochi minuti dopo il lancio. Nei prossimi tre giorni, il Cygnus cylindrical craft raggiungerà la stazione spaziale per il suo attracco.

Imballato a bordo del Cygnus sono nozioni di base come il cibo e serbatoi di ossigeno, hardware tra cui computer e telecamere ad alta definizione, e una vasta gamma di esperimenti scientifici.

Uno dei carichi utili scientifici più insoliti è un sestante vecchio stile, che gli astronauti useranno per praticare tecniche di navigazione che non si basano su sistemi high-tech. La tecnologia secolare consentirebbe agli astronauti di determinare la loro posizione ottenendo una correzione sulla luna, sui pianeti o sulle stelle nel caso in cui i sistemi di comunicazione o i computer della stazione spaziale subissero un problema tecnico.

“Vogliamo un backup robusto e meccanico con il minor numero di parti e il minor bisogno di energia possibile per tornare a casa in sicurezza”, ha spiegato l’investigatore principale Greg Holt in un comunicato stampa pre-lancio.

Un altro esperimento, il Cold Atom Lab, creerà le condizioni più fredde dell’universo per consentire agli scienziati di studiare uno strano comportamento quantistico in zero-G.

Esperimenti precedenti hanno scoperto che gli atomi superchillati collassano in un singolo stato quantistico, ma il fenomeno non è mai stato studiato in assenza di peso. I fisici sospettano che lo strano conglomerato, noto come condensato di Bose-Einstein, durerà più a lungo sulla stazione spaziale.

Grande lancio pre-alba di #Cygnus #OA9 da @NASA_Wallops – seguito da down town Norfolk, proprio attraverso la messa in scena. Noterà quando il monitoraggio TLEs sono fino. Pensando che juuust scivolò sotto l’ombra terminator diretto SE. Primo lancio che ho visto da Wallops. # NASASocial pic.twitter.com/e4eIaaqWnr-Dave Dickinson ???? (@Astroguyz) 21 maggio 2018

Altri carichi utili scientifici includono E. batteri coli che sono stati geneticamente modificati per aiutare a produrre biocarburanti, un esperimento volto a identificare ceppi di microbi sulla stazione spaziale, e semi di piante che potrebbero tracciare una scia per la futura agricoltura spaziale.

Cygnus sta anche trasportando 15 nanosatelliti per la distribuzione orbitale, tra cui veicoli spaziali sperimentali star-tracking, un rivelatore di raggi X che cercherà un alone di gas caldo intorno alla Via Lattea, e quattro satelliti di telerilevamento che vengono lanciati per Spire Global.

Una volta che il Cygnus è collegato alla stazione spaziale, gli astronauti scaricheranno il carico, lo caricheranno di nuovo con la spazzatura e lo libereranno. Alla fine della sua missione a luglio, il Cygnus brucerà durante il rientro controllato attraverso l’atmosfera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.