8 Ingredienti interessanti per le birre invernali e natalizie

ingredienti per la birra invernale
craftbeer.com

30 novembre 2018

La stagione della birra natalizia è alle porte. Le foglie arancioni e rosse della caduta diventano marroni e si perdono dagli alberi. La temperatura sta diminuendo di più, e anche Starbucks sta iniziando ad ammalarsi di spezie di zucca, il che significa che sta diventando inverno.

Non possiamo inviarti birra, ma possiamo inviarti la nostra newsletter!

Iscriviti ora

Non condivideremo mai le tue informazioni personali. Consulta la nostra politica sulla privacy.

L’inverno, come tutte le altre stagioni, evoca un’immagine che tutti conosciamo: una capanna di legno solitaria si trova fuori, immersa tra robusti pini. L’intero paesaggio è coperto di neve e un brillante bagliore dorato emana da ogni finestra della cabina mentre una sottile scia di fumo si arriccia pigramente dal camino in pietra.

Non solo questi luoghi, ma i suoni e i sapori dell’inverno sono ugualmente ben noti a noi. Cannella, zenzero, ciliegie, cioccolato e menta piperita ci ricordano classici invernali come cioccolata calda, case di pan di zenzero e bastoncini di zucchero. Non è incredibilmente irragionevole che i birrai vogliano provare a conferire questi sapori anche nelle loro creazioni. Questo è evidente in uno degli stili di birra più prolifici della stagione: la winter spice beer. Tuttavia, poiché sono birrai, a volte arriva un vantaggio piuttosto demenziale nel tentativo di estrarre quei sapori invernali in una birra. Come abbiamo iniziato a ottenere pubblicizzato circa la stagione delle vacanze abbiamo pensato di condividere alcune cose intriganti che birrai artigianali hanno usato per suscitare i sapori dell’inverno. Ecco alcuni dei nostri preferiti.

(per Saperne di: Birra & Corso Alimentare)

Ciliegie e Miele

birra invernale ingredienti
CraftBeer.com

Bene, quindi stiamo barando un po ‘ per iniziare qui. Abbiamo scelto di iniziare la nostra lista con una combinazione di ingredienti piuttosto che un singolo ingrediente. Le ciliegie non sono un ingrediente particolarmente insolito né il miele. Tuttavia, i due non si incontrano spesso in combinazione (probabilmente per paura di una dolcezza travolgente), e uno dei migliori esempi della combinazione è in una birra natalizia, Troegs Brewing’s Mad Elf. Parlando con Don Russel, che ha scritto un libro sulle birre di Natale, Mad Elf è una birra che torna personalmente anno dopo anno. Secondo Jeff Herb di Troegs, l’idea per l’Elfo Pazzo è nata nel novembre 2000. Il concetto originale era stato anche quello di barrel-age la birra, ma che non pan fuori, e birra iniziale è stato ulteriormente complicato da un incidente quasi comico durante la fermentazione. “Al ritorno giorni dopo, si sentiva l’odore di questo aroma davvero fruttato nell’aria. Siamo corsi di nuovo ai serbatoi di fermentazione e c’era un pasticcio schiumoso su tutto il terreno. Quasi la metà del lotto gorgogliava in uno scarico.”Quindi, mentre questi due ingredienti potrebbero non essere i più stravaganti della nostra lista, non sono esattamente una combinazione comune e sicuramente possono essere schizzinosi con cui lavorare. Alziamo un bicchiere a Troegs per i loro continui sforzi per portarci una birra che è, per molti bevitori, un classico di Natale.

Fichi

Tutti vanno avanti e inserire le vostre battute budino figgy qui. I fichi hanno un ovvio legame con le vacanze, non solo nell’intramontabile piatto carol-centrico, ma anche nella 2XMAS Ale di Southern Tier. E mentre spesso erroneamente etichettati come una sorta di frutta, queste eccentricità naturali sono in realtà un’entità unica nota come siconio. Secondo Amy Stewart nel suo libro “The Drunken Botanist”, questo significa che i fiori della pianta del fico sono contenuti all’interno di un pezzo di carne vegetale e questa carne è ciò che spesso pensiamo come il fico. Poiché non sono frutti tipici, non vengono utilizzati spesso nella produzione di birra come possono essere i frutti tipici. Tuttavia, fanno l’aspetto occasionale (e soprattutto durante le vacanze) mentre infondono un sapore ricco e dolce che spesso ci ricorda le bacche scure o il popolare biscotto newtoniano. E mentre sembra che non molti abbiano effettivamente usato i newton di fico nelle birre natalizie, il fico viene usato di tanto in tanto con un effetto piuttosto impressionante.

(di Più: Un ‘Agitazione Racconto ” Dietro il Padre di Homebrewing Famoso Cucchiaio)

Marshmallows

birra invernale ingredienti
CraftBeer.com

Ci sono poche cose che veramente dedurre che la sensazione invernale piuttosto come la semplice miscela di cioccolato e marshmallow. Non c’era niente di meglio per riscaldarsi dopo una lunga giornata di slittino fuori come un bambino di una tazza di cioccolata calda con un paio di marshmallow gettato in. Alla fine, quei bambini sono cresciuti; e alcuni di quegli adulti diventano birrai; e alcuni di quei birrai sognavano di mettere insieme una versione adulta di quella bevanda che amavano così tanto. Potremmo solo supporre che sia quello che stavano pensando le brave persone di Pollyanna Brewing quando hanno inventato la loro dimensione di divertimento Marshmallow tostato, o i birrai di Garage Brewing mentre realizzavano il loro latte Marshmallow.

noci Pecan

Birra Invernale ingredienti
CraftBeer.com

Mentre abbiamo tutti sentito parlare di nut brown ale, è giusto dire che le noci pecan sono stati mai veramente ciò che la maggior parte delle persone aveva in mente lungo queste linee. Mentre ammettiamo che le noci pecan non sono un ingrediente associato esclusivamente alla stagione invernale o alle festività natalizie, abbiamo scelto di includerle poiché erano un ingrediente di scelta in una birra completamente incentrata sulle vacanze di Shiner, il nome appropriato, Holiday Cheer. Le noci pecan sono l’unica noce principale che cresce naturalmente in Nord America e sono state comunemente mangiate e scambiate dalle tribù native americane. Nonostante la mancanza del loro uso nelle birre, il pecan è abbastanza familiare nella cucina americana (e specialmente nella cucina meridionale). Inoltre, la National Pecan Shellers Association (sì, è una cosa reale), stima che gli Stati Uniti producano tra 250 e 300 milioni di sterline di noci pecan all’anno. Onestamente non riesco a immaginare cosa potremmo usare che molti pecan per altrimenti, quindi cerchiamo di usarli nella birra di più!

(Analisi: Le birre di canapa crescono in popolarità mentre i birrai puntano a nuovi sapori e consapevolezza)

Ginepro

Bevitori di gin, aggrappati ai tuoi highballs. Il ginepro si abitua anche alla birra, e non solo a qualsiasi birra, ma alle birre natalizie. Il nostro esempio preferito era l’imperial IPA CoHoHo! entro il sole di mezzanotte. Il ginepro di solito si riferisce più specificamente alle bacche di ginepro che, secondo “The Drunken Botanist”, sono in realtà coni con scaglie così simili alla carne, che tendono ad assomigliare alla pelle di una bacca. La sostanza chimica che spesso farà pensare a quel classico sapore di gin ha un nome: alfa-pinene. Questo composto piuttosto originariamente chiamato impartirà sapori amari di pino o rosmarino. Ovviamente, dati questi sapori, questo è l’ingrediente strano perfetto da mettere in un IPA mentre i sapori amari e piney giocano a destra nelle mani del luppolo. Inoltre, quel pino è fondamentalmente come bere un bell’albero di Natale hearty ma sai, nel miglior modo possibile. E a proposito

Abete rosso

Questo ingrediente ha una storia affascinante e un legame intimo con le festività natalizie. Davvero nulla rappresenta la stagione invernale o di festa abbastanza come la neve che cade e si raccoglie sui rami di un albero sempreverde possente. Gli alberi di abete rosso, un membro della famiglia dei Pini, sono creature antiche. Secondo Amy Stewart, autrice di” The Drunken Botanist”, lo sviluppo di alcune delle 39 specie conosciute di abeti rossi risale al tardo Giurassico (circa 150 milioni di anni fa) e si pensa che un singolo esemplare abbia un apparato radicale di quasi 10.000 anni. L’abete rosso è unico, produce vitamina C tra le altre sostanze nutritive, e le prime birre di abete rosso sono state trovate per aiutare a prevenire lo scorbuto (insieme a limoni e lime) soprattutto a bordo delle navi. Oggi, numerose birrerie offrono una birra di abete rosso, tra cui Yards Brewing a Philadelphia con la loro offerta di abete tutto l’anno, Poor Richard, un omaggio a Benjamin Franklin. L’abete rosso ha quel caratteristico sapore piney e può essere usato per aiutare la birra amara e complimentarmi con i profili di luppolo.

ingredienti della birra invernale
CraftBeer.com

Come un rapido avvertimento per homebrewers incuriosito, solo due specie di abete specifico sono stati approvati come additivi alimentari sicuri dalla FDA. Considerando che l’albero assomiglia ad altre specie arboree velenose come il tasso, si prega di prestare attenzione e consultare un professionista prima di foraggiare la prossima birra.

(MALT SHOPPE: The Scoop on Milkshake IPAs)

Cachi

Sarò onesto: non ero sicuro di cosa fosse il cachi prima di fare ricerche per questo articolo. Ne avevo certamente sentito parlare prima, ma non sapevo se fosse una spezia, un frutto o un’erba. Quindi, per quelli di voi così non iniziati come me, il cachi è un frutto che cresce su un albero. Più specificamente, l’Almanacco del contadino identifica due specie note di albero che producono questo frutto, il Cachi orientale e il Cachi americano. Mentre ci sono differenze significative tra il frutto di cachi di questi due alberi (e un albero genealogico molto più complesso che non sopporta di entrare qui), in generale, secondo Russ Parsons del LA Times, questo è un frutto dolce e aromatizzato al miele. Questa dolcezza gioca bene nella cannella e noce moscata di Bloomington Brewing Co.’s Cachi Ale. Quindi, anche se non si ha familiarità con il leggendario cachi, e il suo uso in racconti popolari come metodo per determinare la gravità del prossimo inverno, andare avanti e provare alcuni cachi nella vostra birra. Pensate a come un po ‘ di divertimento avventura vacanza.

ingredienti della birra invernale
CraftBeer.com

Incenso e Mirra

birra invernale ingredienti
CraftBeer.com

Diamo un caloroso applauso per il male geni oltre a Lost Abbey. La loro offerta stagionale, Il Dono dei Magi, non fece prigionieri nella lotta per usare gli ingredienti più strani e incorporò letteralmente i doni reali riportati dei magi (ad essere onesti, nessun oro fu usato nella fabbricazione della birra poiché l’oro doveva essere rappresentato dal colore dorato della birra stessa). Tragicamente, questa birra è anche un’offerta in pensione dal birrificio. Adam Martinez di Lost Abbey riferisce: “È diventato piuttosto problematico procurarsi incenso e mirra di qualità alimentare, non permettendoci di preparare la birra durante la timeline di cui avevamo bisogno.”Questo è un peccato, ma anche perfettamente comprensibile. Dall’Enciclopedia Britannica, l’incenso è un incenso o un profumo che si ottiene da una particolare famiglia di alberi che sono indigeni in Somalia, Yemen, Oman, parti dell’India e del Pakistan. In una vena simile,” The Drunken Botanist ” cita la mirra come proveniente da un cespuglio dall’aspetto piuttosto tozzo originario della Somalia e dell’Etiopia. La sostanza reale conosciuta come mirra è una resina essiccata che viene prodotta nella corteccia di questo albero magro. Come l’incenso, era molto apprezzato come profumo e incenso tra le antiche culture della regione. Unico, ricercato e decisamente bizzarro, c’era poca domanda che questa birra sarebbe in cima alla nostra lista.

Per i nostri stessi adulti, l’inverno e le vacanze sono ora di amici, famiglia e buona birra per godere sia con. È in qualche modo confortante sapere che gli alchimisti alcolici del mondo faranno sicuramente la loro parte per mantenere le nostre festività natalizie un po ‘ demenziali. Goditi gli amici, la famiglia e soprattutto le birre, e nelle parole immortali di Clark Griswold, “Quando Babbo Natale stringe il suo grasso culo bianco giù per quel camino stasera, troverà il più jolliest bunch of a**fori questo lato del manicomio.”

Circa l’autore:

Andrew Jockers

Andrew Jockers è uno studente dentale nel mondo reale, ma lavora per Voodoo Brewing Company come barista nella loro taproom Homestead per aiutare a mantenere la sua sanità mentale. Lavora anche come rappresentante di eventi per Voodoo nella zona di Pittsburgh, alza il figlio appena nato con la sua bella moglie e si diverte a scrivere freelance quando c’è un momento per respirare. In tutto il tempo libero che non ha, Andrew ama anche la musica, homebrewing, rugby, trekking e rafting.

Leggi di più di questo autore

CraftBeer.com è completamente dedicato alle piccole e indipendenti fabbriche di birra statunitensi. Siamo pubblicati dalla Brewers Association, il gruppo commerciale senza scopo di lucro dedicato a promuovere e proteggere i piccoli e indipendenti birrai artigianali americani. Storie e opinioni condivise su CraftBeer.com non implicano l’approvazione o le posizioni assunte dalla Brewers Association o dai suoi membri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.